Lunedì - Venerdì - 9:00 - 13:00, 15:00 - 19:00
0923 27113
Radiologia

Mammografia


Mammografia

La mammografia è l’esame radiologico della mammella eseguito attraverso un’apparecchiatura dedicata (mammografo) capace di evidenziare chiaramente ed in tutta la sua estensione la struttura della ghiandola mammaria per la ricerca di tumori, cisti ed altre patologie.

La mammografia quindi è l’esame fondamentale per lo studio della mammella, essendo superiore per affidabilità e ricchezza di informazioni ad ogni altra diagnostica strumentale.
La sua affidabilità diagnostica si aggira sul 90% ed aumenta fino al 95% se associata all’esame clinico.

RISCHIO DA MAMMOGRAFIA

Il rischio oncogeno legato all’ irradiazione mammaria su cui si è esagerato in passato, è praticamente inesistente con l’uso delle apparecchiature più moderne.

Anche per la stessa mammografia periodica di screening ripetuta per parecchi anni si è calcolato un rischio oncogeno assai limitato e certamente inferiore ai vantaggi ipotizzati in termini di diagnosi precoce.

Comunque, volendo ben chiarire il problema del rischio cancerogenetico da radiazioni ionizzanti, bisogna ricordare che esso è in relazione a:

  • Età della paziente: tutti gli studi epidemiologici hanno dimostrato una minore radiosensibilità della mammella dopo i 30 anni.
  • Entità della dose assorbita: attualmente le dosi necessarie per ottenere una buona mammografia sono circa 30 volte inferiori e quelle erogate nelle prime mammografie più di 30 anni fa.

Le dosi attuali medie sono di 0,125 Rad per radiogramma a metà spessore di una mammella compressa dello spessore di 5-6 cm (dose cute: 0,3 Rad per esposizione). In queste condizioni anche la dose di irradiazione alle ovaie è insignificante.

L’eventuale rischio da mammografia va correlato comunque con i benefici derivanti dall’applicazione della stessa, cioè con l’anticipo diagnostico e quindi la riduzione della mortalità.

Si può quindi concludere che oggi, con le moderne apparecchiature, una donna può sottoporsi a tutte le mammografie di cui ha bisogno senza timori, basti pensare che chi trascorre alcuni giorni in montagna assorbe una dose di radiazione naturali superiore a quella dovuta alla mammografia.

Tempo
d'esame

La mammografia va eseguita possibilmente nella prima fase del ciclo mestruale, prima dell’ovulazione, prima cioè che l’accumulo di acqua nei tessuti mammari diventi tale da ridurre il già scarso contrasto naturale e quindi la capacità di percezione di piccoli particolari e la corretta analisi dei loro contorni.

INDICAZIONI DALLA MAMMOGRAFIA

Presenza di:

  • Nodulo
  • Addensamento
  • Retrazione cutanea
  • Deformazione della mammella
  • Ispessimento o arrossamenti localizzati
  • Deviazione del capezzolo
  • Mastodinia
  • Seni troppo densi o voluminosi e quindi clinicamente mal esplorabili
  • Presenza di linfonodi ascellari monolaterali patologici
  • Presenza di metastasi ossee di origine ignota

Da ricordare che non esiste l’urgenza in mammografia e soprattutto non costituiscono motivo d’urgenza:

  • La mastodinia (dolore e/o tensione mammaria), specie se premestruale
  • La MFC (mastopatia fibrocistica): circa il 50% delle donne in età fertile presentano il quadro clinico della MFC; numerosi studi autoptici su mammelle che in vita non presentavano segni clinici di malattia hanno evidenziato fino nel 90% dei casi quadri anatomo-patologici tipici della MFC.

Durante un esame mammografico vengono eseguiti due radiogrammi per lato (cranio-caudale ed obliqua-esterna) in modo da evidenziare chiaramente e in tutta la sua estensione la struttura della ghiandola mammaria.

In generale la mammografia non è indicata, a meno che non vi siano elementi clinici di sospetto, nelle donne molto giovani, fino ai 30 anni circa, perché:

  • La mammella risulta spesso radiologicamente densa e quindi mal analizzabile
  • Per la maggiore radiosensibilità delle mammelle
  • Perché l’incidenza statistica delle neoplasie maligne è estremamente bassa fino a tale età

In tali pazienti l’indagine di prima istanza deve essere l’ecografia e la mammografia deve essere successivamente riservata ai casi dubbi.

ONLINE HASSLE FREE APPOINTMENT BOOKING

online hassle free appointment booking online hassle free appointment booking online hassle free appointment booking online hassle free appointment booking